Gurdjieff's School - Chateau de Prieure

La scuola di Gurdjieff

Questa é la parte III di un documentario esteso su George Gurdjieff. Questa parte é ancora in produzione ed é pianificato la sua pubblicazione nel 2022/3.

La scuola di Gurdjieff

Questa é la parte III di un documentario esteso su George Gurdjieff. Questa parte é ancora in produzione ed é pianificato la sua pubblicazione nel 2022/3.

Rimani Informato
Parte III: La Scuola

I disordini sociali impediscono a Gurdjieff di formalizzare la sua opera…

Gurdjieff's School during the Russian Civil War

Guerra Civile Russa (1917 – 1923)

Prospectus of Gurdjieff's School

Prospetti per l’istituto di Gurdjieff a Tiflis

Navigare attraverso la Rivoluzione russa e la guerra civile consuma tutte le sue risorse. Per stare fuori
dalla portata del male, Gurdjieff migra da un luogo all’altro, portando con sé la sua famiglia e i suoi seguaci. Nel 1919 fa un primo tentativo di fondare una scuola a Tiflis, in Georgia, sotto il titolo di Istituto per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo.

Istituto per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo di Gurdjieff

I tentativi informali di Gurdjieff di creare una scuola

Nel 1919 fa un primo tentativo di fondare una scuola a Tiflis, in Georgia, sotto il titolo di Istituto per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo. Per suscitare l’interesse locale, viene fatto circolare un volantino con le seguenti informazioni:

Con il permesso del Ministro per l’Istruzione Nazionale, l’Istituto per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo basato sul sistema di George Ivanovich Gurdjieff viene aperto a Tiflis. L’Istituto accetta bambini e adulti di entrambi i sessi. Lo studio avrà luogo mattina e sera. Le materie di studio sono: ginnastica di tutti i tipi (ritmica, medicinale e altre). Esercizi per lo sviluppo della volontà, della memoria, dell’attenzione, udito, pensiero, emozione, istinto e così via.i

[PETER OUSPENSKY] A questo è stato aggiunto che il sistema di Gurdjieff era già funzionante a Bombay, Alessandria, Kabul, New York, Chicago, Copenaghen, Stoccolma, Mosca ed Essentuki. Alla fine del prospetto, in un elenco di ‘docenti specializzati’ dell’Institute, ho trovato il mio stesso nome”i

Gurdjieff's School during the Russian Civil War

Guerra Civile Russa (1917 – 1923)

Gurdjieff's School affected by War

La rivolta di Ottobre (1917)

Studenti cominciano ad albergare dubbi

La maggior parte delle mosse di Gurdjieff sorprendono i suoi studenti. Fin dall’inizio, le sue manovre hanno lo scopo di scioccarli, o guidate da considerazioni per loro incomprensibili. Nel caso dell’Istituto per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo, Gurdjieff esalta la sua presentazione in un tono commerciale che, nella mente di molti dei suoi seguaci, è ingiustificato. Le idee e i metodi dovrebbero parlare da soli. Percependo questo, iniziano a formarsi crepe tra lui e alcuni, in maniera più significativa Ouspensky, che continuerà a prendere le distanze e alla fine parte da Gurdjieff per stabilire gruppi indipendenti a Londra.

[PETER OUSPENSKY] Gurdjieff era ovviamente obbligato a dare una sorta di forma esteriore al suo lavoro tenuto conto delle condizioni esteriori, [ma] non ero molto entusiasta del programma dell’Istituto per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo… la cui forma esterna aveva in qualche modo la natura di una caricatura.”i

Prospectus of Gurdjieff's School

Prospetti per l’istituto di Gurdjieff a Tiflis

Gurdjieff and Ouspensky Circa 1915

Gurdjieff e Ouspensky Circa 1915

Gurdjieff's School affected by War

La rivolta di Ottobre (1917)

Gurdjieff and Ouspensky Circa 1915

Gurdjieff e Ouspensky Circa 1915

TIFLIS, GEORGIA
Localitá del primo instituto di Gurdjieff

Metodi della scuola di Gurdjieff

Gurdjieff Teaching Temple Dance

Ballerini del tempio, Bayon, Cambodia

Gurdjieff Teaching Initiation of Priestess

Iniziazione di una sacerdotessa (da una demostrazione di
Allievi di Gurdjieff al teatro delle Champs-Elysees,
Dicembre 1923)

Specialitá dell’insegnante

[GURDJIEFF] “Non ci sono scuole generali; ci sono solo scuole speciali. Ogni insegnante, o guru, è
specialista in qualcosa. Uno è astronomo, un altro scultore, un terzo musicista. E tutti gli alunni di ogni insegnante devono prima di tutto studiare la materia in cui si è specializzato”i
Una delle specialità di Gurdjieff era la danza sacra. Nel racconto autobiografico dei suoi viaggi, nel libro Incontri Con Uomini Straordinari, accenna a un interesse speciale per le danze delle diverse destinazioni durante i suoi due decenni di ricerca.Molti templi antichi, specialmente quelli orientali, incorporarono danze sacre nelle loro routine. Le danze erano solitamente eseguite da ragazze dedite in giovane età al tempio e addestrate specificamente per questi scopi. I movimenti hanno dato vita alle sculture e ai dipinti del tempio altrimenti statici e inanimati. Nei templi indù, ad esempio, quasi tutte le storie principali sono state trasmesse attraverso la danza e in molti dei templi sopravvissuti possiamo ancora trovare sculture e rilievi di danzatori congelati in queste posizioni.

Quando Gurdjieff pubblicizza per la prima volta il suo lavoro in Russia nel 1914, lo pubblicizza sotto forma di un balletto chiamato La Lotta dei Maghi. Nell’estate del 1916, durante il Raduno in Finlandia, Gurdjieff mostra ai suoi allievi certe posture e movimenti fisici. Ma è solo nel 1919, quando lo scenografo Alexander Salzmann e sua moglie, l’insegnante di danza Jeanne Salzmann, si uniscono a lui, che è in grado di eseguire correttamente le sue ambizioni.

Una scuola deve avere una forma esterna. Devi riunire gli studenti sotto il baldacchino di un certo compito esterno. Solo allora il lavoro passa dalla teoria alla pratica. La specialità dell’insegnante serve da contenitore per questo. Attraverso esso, gli studenti possono interagire, far emergere le loro caratteristiche e possono essere spinti oltre le loro zone di comfort a nuovi livelli.

Gurdjieff Teaching Temple Dance

Ballerini del tempio, Bayon, Cambodia

Gurdjieff Teaching Temple Dance

Dervishi danzanti, Constantinopoli

Gurdjieff Teaching Initiation of Priestess

Iniziazione di una sacerdotessa (da una demostrazione di
Allievi di Gurdjieff al teatro delle Champs-Elysees,
Dicembre 1923)

Gurdjieff Teaching Temple Dance

Dervishi danzanti, Constantinopoli

Gurdjieff a riguardo ella Caratteristica Principale

[GURDJIEFF] “Il metodo dell’istituto è soggettivo, dipende dalle peculiarità individuali di ogni
persona. C’è solo una regola generale che può essere applicata a tutti: l’auto osservazione.”ii

[THOMAS DE HARTMANN] Gurdjieff ci ha detto che era assolutamente essenziale per ciascuno di
noi vedere il principale difetto, quello che ci fa tornare indietro a tutte le nostre stupide, comiche debolezze secondarie.”iii

[GURDJIEFF] Ogni uomo ha una certa caratteristica nel suo carattere intorno al quale ruota tutta la sua ‘falsa personalità’. Un uomo non può trovare questa colpa principale da solo. Questa è praticamente una legge. L’insegnante deve indicargli questa caratteristica e mostrargli come lotta contro di essa… Il lavoro personale di ogni uomo consiste quindi di lottare contro questa colpa principale.”i

[PETER OUSPENSKY] Gurdjieff è stato molto ingegnoso nella definizione di caratteristiche… Ogni
volta che qualcuno è in disaccordo con la definizione della caratteristica principale data da Gurdjieff, ha sempre detto che il fatto che la persona fosse in disaccordo con lui ha dimostrato la sua ragione.”i

[GURDJIEFF] “La lotta contro la colpa principale è la parte più importante del lavoro, e deve procedere con i fatti, non a parole. A questo scopo il maestro dà ad ogni determinato uomo compiti che richiedono, per la loro realizzazione, la conquista della propria caratteristica principale. Quando un uomo svolge questi compiti egli lotta con sé stesso, lavora su sé stesso. Se evita i compiti, cerca di non eseguirli, significa che non vuole farlo o che non può lavorare”iNel 1921 Gurdjieff avvolge il suo istituto e si trasferisce in Germania. Nel 1922 visita l’Inghilterra. Qui, Ouspensky ha già ha generato interesse per l’opera, e nonostante le sue personali riserve con i metodi di Gurdjieff, sembra che ci sia un potenziale di collaborazione. Ma il governo britannico nega Residenza Gurdjieff. Nello stesso anno, si trasferisce in Francia e compra un castello in Avon vicino a Fontainebleau. Qui, Gurdjieff ottiene le migliori possibilità di formalizzare le sue attività in Europa.

Gurdjieff istituisce il Chateau Prieuré

Anna Butkovsky Hewitt (Student of Gurdjieff)

Chateau Prieure

Gurdjieff School - Chateau Prieure 01
Gurdjieff School - Chateau Prieure 03
Se Gurdjeff effettivamente intendeva istituire una scuola in Occidente, allora le guerre e le rivoluzioni finora erano limiti oggettivi. L’acquisto del castello verso la fine del 1922 ora toglie ogni scusa.

[THOMAS DE HARTMANN] “La casa era un palazzo ristrutturato del XVII o XVIII secolo che un tempo per i precedenti era stato un monastero, così è stato chiamato il Prieuré.”iii

Il castello è in rovina. Il restauro adesso è l’attenzione principale di Gurdjeff e dei suoi seguaci.

[CHARLES NOTT] “La nostra vita quotidiana seguiva una routine che cambiava continuamente. La campana suonava dalla torre alle sei e mezza. La colazione consisteva in grandi pezzi di pane tostato, con caffè; poi si passava a lavorare nei giardini, o nella foresta, o in casa.”iv

[THOMAS DE HARTMANN] Gurdjieff sapeva come distribuire il lavoro tra persone in modo tale
che nessun momento potesse andare perso.”iii

[GLADYS ALEXANDER] La vita è stata spronata ad un’accelerazione del ritmo. Variava dal lavoro pesante di una cucina vecchio stile e del retrocucina, dal lavoro della casa e della lavanderia, al giardino di fiori e di cucina, alla cura di cavalli, asino carrello, pecore, capre, mucche e vitelli, galline, maiali e cani.”v

[CHARLES NOTT] “C’era una pausa dalle 12:30 alle 2 per il pranzo. Il tè era alle quattro e la cena alle sei e mezza; movimenti e danze seguivano fino alle dieci o undici. Durante il giorno Mr Gurdjieff procedeva con colloqui generali, e colloqui personali con i singoli alunni.”vi

[JOHN BENNETT] “Le lezioni di Gurdjieff che si sono sempre tenute in momenti inattesi erano per la maggior parte di noi i punti alti di vita a il Prieuré..”v

Anna Butkovsky Hewitt (Student of Gurdjieff)

Chateau Prieure

Gurdjieff School - Institute Plaque

Sull’Immortalitá

In un’occasione qualcuno ha chiesto se esistesse la vita dopo la morte.

[GURDJIEFF] Per poter parlare di qualsiasi vita futura ci deve essere una certa cristallizzazione, una certa fusione delle qualità interiori dell’uomo, una certa indipendenza dalle influenze esterne. Se c’è qualcosa in un uomo capace di resistere alle influenze esterne, allora questa stessa cosa può anche essere in grado di resistere alla morte del corpo fisico”i

La Frizione tra il Sí e il No

[GURDJIEFF] “Tutti i modi per l’immortalità possono essere divisi in tre categorie:

  1. La via del fachiro.
  2. La via del monaco.
  3. La via dello yogi.i

La via del fachiro è la via della lotta con il corpo fisico… la via del monaco… è la via del sentimento religioso, sacrificio religioso… La via dello yogi… è la via la conoscenza, la via della mente.”

Proprio come si sviluppa un muscolo da flessione al di là della sua capacità naturale, così si sviluppa l’unità lottando contro la molteplicità dei centri inferiori. Il primo modo fa questo attraverso la lotta con il corpo fisico, resistendo ai suoi impulsi, andando oltre le sue immaginarie linee rosse, molto simile ad un atleta professionista. Il secondo modo lo fa sottoponendo tutte le proprie emozioni ad un’emozione superiore come la fede. Si vede questo nella Vita monastica cristiana. Il terzo fa questo disciplinando la mente, costringendola a ‘pensare’ piuttosto che fantasticare, concentrarsi, meditare. Lo si vede nel giudaismo.

Gurdjieff School - Chateau Prieure 01
Gurdjieff School - Chateau Prieure 02
[ALFRED ORAGE] “Mi è stato detto di scavare, e poiché non avevo avuto un vero esercizio per anni ho sofferto così tanto fisicamente che sarei tornato nella stanza, una sorta di cella, a piangere letteralmente dalla fatica. Nessuno, nemmeno Gurdjieff, si è avvicinato a me. Mi sono chiesto: “È per questo che ho rinunciato a tutta la mia vita? Almeno avevo qualcosa. Ora che cosa ho?” Quando ero nel profondo della disperazione, sentendo che non potevo più andare avanti, ho giurato di fare uno sforzo extra, e proprio in quel momento qualcosa in me è cambiato. Presto ho cominciato a godere del duro lavoro, e una settimana dopo arrivò Gurdjieff e mi disse: “Ora, Orage, penso tu abbia scavato abbastanza. Andiamo al bar a bere un caffè.'”iv
Gurdjieff School - Chateau Prieure 03
Gurdjieff School - Chateau Prieure 04
Gurdjieff School - Institute Plaque
Gurdjieff School - Chateau Prieure 02
Gurdjieff School - Chateau Prieure 04
Gurdjieff School - Devas

Devas (Dei)

Gurdjieff School - Churning Butter

Donna zangolando burro, di Jean-François Millet

Unitá Interiore

[GURDJIEFF] “L’unità interiore si ottiene per ‘attrito’, per la lotta tra il ‘sì’ e il ‘no’ nell’uomo. Se un uomo vive senza lotta interiore, se tutto accade in lui senza opposizione, se va dovunque sia attratto o dovunque ci sia un colpo di vento, resterà così com’è.”i

Forse l’esempio più famoso della lotta tra i “sì” e i “no” derivano dal Mahabharata. Questa scena è il tema centrale nell’interpretazione Khmer dell’induismo ed è allettante considerare che i membri dei Cercatori di Gurdjieff della verità potrebbero aver visitato alcuni dei suoi templi rimanenti, come Angkor Wat.

L’ordine mondiale indù si basava su un equilibrio tra bene e male. Questo equilibrio è stato periodicamente disturbato, mettendo in pericolo l’esistenza di tutto il cosmo. A una di queste occasioni mitiche, quando il nettare dell’immortalità fu perso, Vishnu, il dio custode, consigliò ai deva e agli arabi di scuotere l’oceano di Latte. Dovevano usare il serpente gigante Vasuki come una zangola e Monte Mandara come un palo di zangola.

La zangolatura era comune nelle famiglie del vecchio mondo. Hai sfornato legna per accendere il fuoco e sfornato latte per fare il burro. L’idea di trasformare qualcosa attraverso la zangolatura è, quindi, radicato
in natura. Con lo stesso metodo, l’essere umano potrebbe raggiungere l’unità interiore e la permanenza: tirando metodicamente contro la loro principale debolezza di influenzare una zangola interna.

[THOMAS DE HARTMANN] “Ogni attività nel Lavoro ha dimostrato chiaramente che lo scopo non è mai stato per i risultati esteriori, ma per la lotta interiore. Per esempio, una volta Gurdjieff ha mandato tutti a preparare la terra per il giardino della cucina, ma più tardi il giardino venne abbandonato.”iii

[GUDJIEFF] “Se una lotta inizia nell’uomo, e in particolare se c’è una linea definita in questa lotta, poi, gradualmente, permanente, i tratti cominciano a formarsi, inizia a ‘cristallizzare.”i

[THOMAS DE HARTMANN] “In questi momenti di sforzo sovrumano si deve frenare la rivolta interiore che deriva dalla fatica fisica. Quello che mi ha aiutato è stato guardare me stesso come dall’esterno, e ridere.”iii

[GLADYS ALEXANDER] “[La vita nel castello] è stata vissuta in una ribollente atmosfera di velocità e tensione, di zelo e di grandi speranze, punteggiata da attacchi di inerzia e critiche, di frizione vivace e concorsi prolissi. Era, infatti, un crogiolo progettato per ridurli al loro valore intrinseco gli ingredienti bolliti all’interno.”vDall’altra parte, gli occidentali si stanno divertendo. Alla fine, tuttavia — da parte di Gurdjieff – egli si è posto sotto un’immensa pressione e responsabilità.
Fedele al suo insegnamento, incarna la lotta interiore, andando contro la comodità e la facilità, non risparmiandosi il minimo sforzo.

È tutto sulle spalle di Gurdjeff. Deve intrattenere. Lui deve impiegare. Deve insegnare. Deve trovare i mezzi di finanziamento. Egli deve mantenere ogni progetto diretto nella giusta direzione e prevenire la deviazione. Costruiamo un giardino della cucina. Ora un bagno turco. Ora liberiamo un tratto di foresta, e così via. In effetti, è come un custode incaricato di un orfanotrofio con decine di bambini, spostando la loro attenzione da un’attività all’altra, non lasciandoli cadere nella noia distruttiva. Ciò raggiunge un culmine con la visita in America.

Gurdjieff School - Devas

Devas (Dei)

Gurdjieff School - Churning Butter

Donna zangolando burro, di Jean-François Millet

Gurdjieff School - Asuras

Asuras (Demoni)

Gurdjieff School - Mount Mandara as Symbolic Rod

Monte Mandara come un simbolico perno di zangolatura

Gurdjieff School - Asuras

Asuras (Demoni)

Gurdjieff School - Mount Mandara as Symbolic Rod

Monte Mandara come un simbolico perno di zangolatura

Gurdjieff School in Carnegie Hall - Brochure 01

Brochure delle dimostrazioni di Gurdjieff alla Carnegie Hall

La Scuola di Gurdjieff visita l’America

Nella primavera del 1924, Gurdjieff naviga da Parigi a America con 35 allievi-ballerini, dove si tenevano manifestazioni pubbliche a New York, Philadelphia, Boston e Chicago.

[THOMAS DE HARTMANN] “Eravamo tutti molto felici di andare in America. Tutti, me compreso, sognando dimostrazioni trionfali e grandi profitti così indispensabili per il signor Gurdjieff per realizzare i suoi piani futuri.”iiiLe manifestazioni di Gurdjieff in America sono i momenti pubblicizzati più diffusi nella sua carriera. I giornalisti erano stati invitati al Prieuré in Francia durante l’estate del 1923 per testimoniare la sua attività, segnalare la loro presenza in America, e generare interesse prima del tour.

Gurdjieff School in Carnegie Hall - Brochure 01
Gurdjieff School in Carnegie Hall - Brochure 02

Brochure delle dimostrazioni di Gurdjieff alla Carnegie Hall

[THOMAS DE HARTMANN] “La sera della manifestazione la sala era piena di americani molto eleganti. C’erano giornalisti e scrittori invitati da Orage.”iii

[CHARLES NOTT] “Per un giorno e mezzo i giornali di New York hanno dato spazio alla manifestazione. Una delle specie più basse di giornali della domenica gli dedicò due pagine con foto e didascalie fantastiche… Le dimostrazioni successive erano al massimo della capacitá di pubblico nella sala.”iv

Questa avventura è problematica. Le danze sacre della leggendaria Fratellanza Sarmoung, tenute segrete per migliaia di anni, sono ora in mostra nella Carnegie Hall. Possiamo aspettarci che il pubblico sia in grado di valutare ciò che vede?

[THOMAS DE HARTMANN] “Con il passare del tempo, c’erano sempre meno persone nel nostro pubblico e non abbiamo avuto ulteriori prospettive… La realtà [della nostra visita in America si è] mescolata a difficoltà… Come sempre con il signor Gurdjieff, l’obiettivo non era un tour trionfale, ma il lavoro e lo sforzo su di noi ogni giorno in altre circostanze – la più semplice e umile delle condizioni di vita e di cibo in un ambiente delle possibilità più lussuosamente allettanti.”iii

La sfida con la traiettoria di Gurdjieff è che deve continuare a salire. Ogni nuovo progetto deve oscurare il precedente, giustificando il suo abbandono. Quale atto, quindi, può seguire le manifestazioni trionfali in America?

Gurdjieff School in Carnegie Hall - Brochure 02

L’incidente di macchina di Gurdjieff

Nell’estate del 1924, dopo il ritorno in Francia, Gurdjieff guida da solo da Parigi a Fontainebleau e ha un incidente d’auto quasi fatale.

Questo sarà un momento cruciale per Gurdjieff, i suoiseguaci, e l’Istituto. Ci sarà un grande dibattito interno, ovvero se questo avrebbe potuto essere autoinflitto, o in altre parole suicida. Date le sue molte responsabilità e le estreme richieste che si era posto negli ultimi anni, addormentarsi sul volante è certamente una possibilità più semplice. Ad ogni modo, considerando la reinvenzione perpetua di nuovi progetti a spese di quelli vecchi abbandonati, le infinite sfide finanziarie, noi in retrospettiva non siamo sorpresi di vedere la sua fine in un incidente– anche se non ci si sarebbe in maniera letterale.

[CHARLES NOTT] “Arrivata l’ambulanza. Gurdjieff è stato portato su una barella, con la testa coperta di bende; era incosciente, ma mormorò: ‘Molte persone, molte persone. ‘ Fu portato di sopra nella sua stanza.”iv

[THOMAS DE HARTMANN] “Durante quelle prime notti il signor Gurdjieff giaceva immobile, completamente silenzioso e senza alcun segno di coscienza. “iii

[OLGA DE HARTMANN “Non era nemmeno in grado di bere; gli bagnavamo le labbra con un panno umido… Dopo il terzo o quarto giorno, i dottori dissero che non c’era pericolo per la sua vita… Infine, il sesto giorno ha aperto gli occhi. Ha chiamato sua moglie e le ha chiesto: “Dove sono?”iii

[CHARLES NOTT] “Che un tale incidente potesse accadere proprio a Gurdjieff fu uno shock per noi. Alcuni pensavano dovesse essere invulnerabile, libero dalla legge dell’Incidente.”</p><p> Assistito da sua moglie e da sua madre, Gurdjieff fa un lento e doloroso recupero, contro l’aspettativa medica.”iv

Assistito da sua moglie e da sua madre, Gurdjieff fa un lento e doloroso recupero, contro l’aspettativa medica. 

[CHARLES NOTT] “C’era silenzio nel Prieuré; parlavamo con voci basse; la campana nel campanile non squillò più; Non c’erano danze o musica nella Casa degli Studi, e tutti desideravano con tutto il loro essere la guarigione di Gurdjeff…. era come se la molla principale di una grande macchina si fosse rotta e la macchina correva al suo ritmo. La forza che ha mosso le nostre vite era sparita.”iv

[THOMAS DE HARTMANN] “Lo strano comportamento di Gurdjieff durò a lungo… Durante la sua malattia eravamo da soli e dovevamo dipendere da noi stessi per ogni decisione… divenne gradualmente ovvio che, anche se il suo corpo era stato gravemente colpito, all’interno di ‘Georgivanch’ rimase ‘Georgivanch’. La sua recitazione c’era stata in parte per testare fino a che punto potessimo essere in grado di portare avanti il suo lavoro senza di lui.”iii

Una mattina girò la voce che Gurdjieff volesse riunire tutti nella Casa dello Studio… 

[CHARLES NOTT] “Ci siamo raggruppati intorno a lui… Con voce pacata ha cominciato a parlare, a volte in inglese a volte in russo. Disse che avrebbe liquidato il Prieuré.”iv

[GURDJIEFF] “Tra due giorni, dovranno andarsene tutti, eccetto i miei cari. Per molto tempo ho vissuto per gli altri, ora comincio a vivere per me stesso. Tutto si ferma — danze, musica, lavoro. Dovete andare tutti.iv

.

Sources

  1. Frammenti di un insegnamento sconosciuto di Peter Deminaovich Ouspensky
  2. Vedute sul mondo reale di George Ivanovich Gurdjieff
  3. La Nostra vita con il signor Gurdjieff di Thomas and Olga de Hartmann
  4. Insegnamenti di Gurdjieff. Viaggio di Charles Stanley Nott
  5. Gurdjieff: Un nuovo mondo di John Godolphin Bennett
Rimani Informato
Rimani Informato

Continua a Leggere:

George Gurdjieff

Parte I:
Gurdjieff

Gurdjieff on the Three Brains
Gurdjieff on Struggle

Parte IV:
Iniziazione

Esotericism shown in a Tibetan Mandala

Parte V:
Quarta Via