Peter Ouspensky

Peter Ouspensky

Matematico e filosofo del XX secolo

Peter Ouspensky

Matematico e filosofo del XX secolo

Rimani Informato

Presentazione di Peter Ouspensky

Piotr Demianovich Ouspensky (5 marzo 1878 – 2 ottobre 1947) è stato un filosofo russo che ha respinto la scienza e la psicologia del suo tempo sotto il forte sospetto che dovette esistere sistemi di pensiero superiori. In gioventù, studiò il misticismo e l’esoterismo e viaggiò molto alla ricerca dell’antica saggezza, percependo che i secoli passati ne sapevano più di quello attuale. “Sentivo che c’era un muro morto ovunque”, ha commentato in una delle sue prime note biografiche. “A quel tempo dicevo che i professori stavano uccidendo la scienza nello stesso modo in cui i sacerdoti stavano uccidendo la religione.”

Quando Ouspensky incontrò George Gurdjieff e fu introdotto alla Quarta Via nel 1915, si rese conto che la barriera verso la conoscenza giaceva in se stessi; non si poteva trovare la verità senza contemporaneamente lavorare per vivere la verità. La vera conoscenza poteva venire solo con una preparazione sufficiente per riceverla. Ouspensky ha trascorso il resto della sua vita a lavorare per fare propri i principi della Quarta Via e per condividerli con persone che la pensavano allo stesso modo. Così, divenne un agente di verità per la sua epoca, portando la saggezza dell’era pre-guerra fino alla metà del ventesimo secolo.

I Primi Anni di Ouspensky

Ouspensky nacque a Mosca nel 1878 in una famiglia della classe media che amava le arti. Nei suoi resoconti autobiografici si descrive come atipico, un disinteresse nel comportarsi come gli altri bambini e una prima inclinazione verso argomenti più maturi come le scienze naturali. La sua lucida memoria di questi primissimi anni si estendeva fino a prima dei due anni:

Peter Ouspensky

Peter Ouspensky

[MAURICE NICOLL] Ma sono sicuro che ricordi la tua vita molto meglio di quanto io ricordi la mia, e che la tua vita ha avuto più significato.

[OUSPENSKY] Sì, ma non proprio nel modo in cui intendi. Ho notato quanto hai dimenticato. Nel mio caso, da bambino non giocavo con i giocattoli. Ero meno sotto l’immaginazione. Ho visto com’era la vita in una fase molto precoce. i

Maurice Nicoll

Maurice Nicoll

Queste qualità precoci sembrano aver cristallizzato nella sua giovinezza sia una costante insoddisfazione per il sistema scolastico e, più tardi nella sua adolescenza, un incrollabile senso di disapprovazione nei confronti dell’istituzione accademica e scientifica. L’impulso di assumere la personale conduzione dei suoi studi cominciò ad essere evidente già all’età di sei anni, con Ouspensky che scelse di essere autodidatta nelle scienze invece di perseguire l’educazione formale, con un particolare fascino per la teoria della quarta dimensione.

Dietro questo impulso, tuttavia, c’era il segno più indelebile lasciato sulla sua psiche nelle ripetute esperienze di déjà vu tra Ouspensky e sua sorella minore, allora di cinque e tre anni, in cui racconta come erano in grado di ricordare piccoli eventi prima che si fossero ancora verificati.

[OUSPENSKY] Come puoi parlare con la mamma, la nonna, delle vite passate anche quando stai imparando a parlare? Ti rinchiuderanno. Mi ricordo molto bene. Ero molto solo. Ho dovuto aspettare che nascesse la sorella e poi imparare a parlare, tre, quattro anni forse, prima di avere qualcuno con cui parlare.

Poi succedeva spesso così: lei guardava fuori dalla finestra e mi raccontava delle persone che vedeva. C’era un’ottima combinazione nella nostra strada, prima un poliziotto, poi il postino, in questa maniera. Sapeva chi sarebbe venuto dietro l’angolo perché si ricordava.

Diceva (solo noi abbiamo usato il nostro linguaggio da bambini): “Ora ci sarà un poliziotto”. Io dico: “E ora arriverà l’esattore delle tasse”, e lui è venuto. Quando l’abbiamo fatto spesso le ho detto: “Lo diciamo alla mamma, nonna?” E la sorellina diceva: “A che serve dire alla mamma, alla nonna?  Non lo sanno, non capiscono niente”. Basta pensare, io avevo 5 anni, lei ne aveva 3. ii

Peter Ouspensky in Childhood

Ouspensky nell’Infanzia

Queste esperienze hanno indubbiamente contribuito alla primissima convinzione nel giovane Ouspensky dell’esistenza di una realtà velata dietro la quale si trovava un mondo molto diverso con significati radicalmente diversi verso la vita rispetto a quello che era normalmente compreso dagli adulti intorno a lui. Era il seme intrinseco in lui che si esprimeva negli anni successivi di studi e di sviluppo personale, e di fatto non cessò mai.

[OUSPENSKY] Ho scoperto l’idea dell’esoterismo, ho trovato un possibile angolo per lo studio della religione e del misticismo e ho ricevuto un nuovo impulso per lo studio delle “dimensioni superiori”. iii

Il successo di Ouspensky raggiunse nuove vette con la pubblicazione di Tertium Organum, definito come un capolavoro nell’affrontare il problema delle dimensioni superiori, e stabilì l’ormai 34enne come un filosofo preminente. Tuttavia, questi risultati mondani sembravano sempre di interesse secondario per lui, poiché il desiderio più profondo radicato nel suo carattere fin dall’infanzia rendeva impossibile accontentarsi del luogo comune. Per tutta la sua vita, Ouspensky insisteva costantemente nel raggiungere nient’altro che l’accesso diretto al miracoloso.

Ouspensky 1912

Ouspensky nel 1912

Il successo letterario di Ouspensky non lo ha reso cieco al fatto che sperimentare dimensioni più elevate era del tutto superiore a scrivere un bestseller su di loro. Ha deciso di cercare il miracoloso nella pratica reale, entrando in contatto diretto con scuole che possedevano conoscenze e metodi pratici. E così la sua ricerca continuò.

[OUSPENSKY] Quando sono andato via sapevo già che avrei cercato una o più scuole. Ero arrivato a questo molto tempo fa. Mi sono reso conto che gli sforzi personali e individuali erano insufficienti e che era necessario entrare in contatto con il pensiero reale e vivente che doveva esistere da qualche parte ma con il quale avevamo perso il contatto. Questo ho capito; ma l’idea stessa delle scuole è cambiata molto durante i miei viaggi e in un modo è diventata più semplice e più concreta e in un altro modo è diventata più fredda e distante. Voglio dire che le scuole hanno perso gran parte del loro personaggio fiabesco. iv

Incontro con Gurdjieff

Dal 1913 al 1914, Ouspensky viaggiò alla ricerca di una scuola, la maggior parte di queste volte verso l’India, e mentre riusciva ad ottenere una migliore comprensione dei tipi di scuole che esistevano, è rimasto non più vicino a scoprirne una adatta alla sua ricerca. Aveva pianificato di continuare la sua ricerca in Medio Oriente quando il viaggio è stato interrotto dallo scoppio della prima guerra mondiale, che gli richiedeva di tornare a casa.

Presto dopo il suo ritorno in una Russia politicamente turbolenta, Ouspensky organizzò lezioni per condividere ciò che aveva scoperto in India con lo scopo di raccogliere persone che la pensano allo stesso modo che sono interessate alla sua ricerca spirituale. In una di queste conferenze, tenutasi a Mosca, è stato avvicinato da due degli alunni di Gurdjieff, che lo informarono di un gruppo impegnato in investigazioni e esperimenti sull’occulto. Lo hanno invitato a incontrare il loro insegnante. Mentre Ouspensky ha avuto una scarsa prima impressione sulla prospettiva e rispose con disinteresse, ha accettato l’incontro dopo un po’ di insistenza da parte di uno degli alunni.

Peter Ouspensky

Gurdjieff (1908-1910?)

[OUSPENSKY] Nella primavera del 1915 incontrai a Mosca uno strano uomo che aveva una sorta di
scuola di filosofia. Questo era George I. Gurdjieff. Lui e le sue idee hanno fatto veramente una grande impressione su di me. Molto presto mi sono reso conto che avevo trovato molte cose che avevo cercato in India. Mi sono reso conto di aver incontrato un sistema di pensiero completamente nuovo che superò tutto quello che avevo conosciuto prima. Questo sistema ha gettato una luce abbastanza nuova sulla psicologia e ha spiegato ciò che non riuscivo a capire prima nelle idee esoteriche e i ‘principi scolastici’. iii

[OUSPENSKY] Nelle sue spiegazioni ho sentito l’assicurazione di uno specialista, un’analisi dei fatti molto fine, e un sistema che non riuscivo a cogliere, ma la presenza di cui ho già provato perché le spiegazioni di Gurdjieff mi hanno fatto pensare non solo ai fatti in discussione, ma anche a molte altre cose che avevo osservato o ipotizzato. iv

[OUSPENSKY] Ho visto senza esitazione che nel dominio [psicologia] che conoscevo meglio di qualunque altro e in cui sono stato davvero in grado di distinguere il vecchio dal nuovo, il conosciuto dall’ignoto, Gurdjieff sapeva più di tutta la scienza europea presa nel suo insieme. v

 

Maurice Nicoll

Gurdjieff e Ouspensky Circa 1915

Ouspensky immediatamente riconosciuto in Gurdjieff la qualità dell’insegnante e della scuola che lo aveva eluso durante tutto il suo studio personale e la sua ricerca all’estero. Presto aiutò a formare il primo gruppo di San Pietroburgo che Gurdjieff viaggiava regolarmente da Mosca, e divenne membro della cerchia ristretta di Gurdjieff per diversi anni, giocando un ruolo chiave nello stabilire la scuola dalla rivoluzione russa fino al formazione dell’istituto di Fontainebleau.

Il ricordo di Ouspensky di questo periodo è stato meticolosamente documentato nel suo libro Alla Ricerca del Miracoloso: Frammenti di un Insegnamento Sconosciuto, pubblicato postumo e ampiamente ritenuto che serva da magistrale introduzione agli insegnamenti di Gurdjieff.

Incontrare il Miracoloso

La vita di Ouspensky è cambiata per sempre nell’estate del 1916 quando si ritrova immerso in una settimana di miracoli. Tra un piccolo gruppo di alunni più vicini di Gurdjieff in una casa di campagna in Finlandia, il suo lavoro interiore si intensifica fino a un punto di flessione. La combinazione di esercizi personali e di gruppo coltiva in lui un accresciuto stato di tensione emotiva, che porta allo shock di impegnarsi in conversazioni telepatiche con Gurdjieff.

[OUSPENSKY] Tutto è iniziato con il mio inizio di sentire i suoi pensieri. Eravamo seduti in una piccola stanza con un pavimento in legno senza moquette come accade nelle case di campagna. Mi sono seduto di fronte a G., e il Dr. S. e Z. su entrambi i lati. G. ha parlato delle nostre “caratteristiche”, della nostra incapacità di vedere o dire la verità. Le sue parole mi hanno turbato molto. E improvvisamente ho notato che tra le parole che stava dicendo a tutti noi c’erano “pensieri” che erano destinati a me. Ho preso uno di questi pensieri e gli ho risposto, parlando ad alta voce nel modo ordinario. G. mi annuì e smise di parlare. C’è stata una pausa abbastanza lunga. Si sedette ancora senza dire nulla. Dopo un po’ ho sentito la sua voce dentro di me come se fosse nel petto vicino al cuore. Mi ha posto una domanda definitiva. L’ho guardato; era seduto e sorridente. La sua domanda ha provocato in me un’emozione molto forte. Ma gli ho risposto affermativamente.iv

Viene in mente ad Ouspensky che questo stato di tensione insolita è la chiave di tutta la percezione superiore, e che i fenomeni superiori sono impossibili da indagare senza questa strana emozione come precondizione. La scoperta soggettiva ma straordinaria è la risposta alla sua ricerca del miracoloso, contestualizzando l’insegnamento di Gurdjieff fino a questo punto come ad aver preparato il terreno per esso.

[OUSPENSKY] C’è qualcosa nei fenomeni di ordine superiore che richiede un particolare stato emotivo per la loro osservazione e studio. E questo esclude qualsiasi possibilità di esperimenti e osservazioni di laboratorio “correttamente condotti”.iv

[OUSPENSKY] Questo stato, che è emotivo, è esattamente ciò che non capiamo, cioè non capiamo che è indispensabile e che i fatti non sono possibili senza di esso.iv

[OUSPENSKY] È necessario creare una certa energia o punto particolare (usandolo in senso ordinario), e questo può essere creato solo in un momento di stress emotivo molto grave. Tutto il lavoro prima di questo è solo la preparazione del metodo.vi

I miracoli non finiscono in Finlandia ma continuano per ulteriori settimane, in cui Ouspensky incontra “persone addormentate” che viaggiano davanti a lui per strada, una percezione più alta che osserva dura finché lui stesso non si addormenta. Mentre questi fatti di ordine superiore sono di valore incommensurabile per lui, l’insolita tensione che accompagna l’esperienza è costante e spesso impegnativa da sopportare.

[OUSPENSKY] Come si può sbarazzarsi di questo? Non ce la faccio più.

[GURDJIEFF] Vuoi andare a dormire?

[OUSPENSKY] Certamente no.

[GURDJIEFF] Allora cosa stai chiedendo? Questo è quello che volevi, sfruttalo. Non stai dormendo in questo momento! iv

Lasciando Gurdjieff

Nell’estate successiva del 1917, Gurdjieff riunisce 13 dei suoi studenti in una piccola casa ai margini di Essentuki, una città alla base delle montagne del Caucaso in Russia. Il gruppo subisce sei settimane di un programma estenuante, notte e giorno, che Ouspensky racconta come profondamente significativo nella sua comprensione delle conoscenze e dei metodi pratici dell’insegnamento di Gurdjieff.

Poi, bruscamente, in relazione a un incidente che ha coinvolto uno dei suoi studenti più vecchi, Gurdjieff annuncia che il gruppo viene sciolto e tutto il lavoro abbandonato.

[OUSPENSKY] E all’improvviso tutto è cambiato. Per un motivo che mi sembrava accidentale e che era il risultato dell’attrito tra alcuni membri del nostro piccolo gruppo, Gurdjieff annunciò che stava disperdendo l’intero gruppo e fermando tutto il lavoro.iv

[OUSPENSKY] Tutto questo mi ha sorpreso molto. Ho considerato il momento più inappropriato per “agire”, e se quello che Gurdjieff ha detto era serio, allora perché l’intera attività era stata avviata? Durante questo periodo non era apparso in noi nulla di nuovo. E se Gurdjieff aveva iniziato a lavorare con noi come eravamo noi, allora perché lo stava fermando ora.iv

 

Il grado di shock, confusione e delusione ha naturalmente un effetto drammatico sul gruppo, ma con Ouspensky pianta anche un seme di disillusione nei confronti di Gurdjieff, costringendolo da quel momento a iniziare a tracciare una distinzione tra l’insegnante e l’insegnamento.

[OUSPENSKY] E devo confessare che la mia fiducia in Gurdjieff ha iniziato a vacillarsi da questo momento. Qual era la questione e cosa mi ha particolarmente provocato è difficile da definire per me anche ora. Ma il fatto è che da questo momento ha cominciato ad avere in me una separazione tra lo stesso Gurdjieff e le sue idee. Fino ad allora non li avevo separati.iv

La spaccatura continua ad allargarsi mentre Ouspensky rifiuta due inviti a unirsi a Gurdjieff a Tiflis nel 1919 e a partecipare al debutto iniziale del suo ‘Istituto per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo’. Ouspensky non è impressionato dalla natura del suo stabilimento.

[OUSPENSKY] Gurdjieff era ovviamente obbligato a dare una sorta di forma esteriore al suo lavoro tenendo conto delle condizioni esterne, [ma] non ero molto entusiasta del programma dell’Istituto per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo… la cui forma esteriore era in qualche modo nella natura di una caricatura. iv

Prospectus of Gurdjieff's School

Prospetto dell’Istituto per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo (Circa 1919)

La pausa non è immediata ma gradualmente segnata da una serie di eventi a Costantinopoli, Londra e Parigi. Ouspensky fa ripetutamente sforzi per riprendere il lavoro con il suo ex insegnante, solo per tornare alla stessa realizzazione della sua impossibilità. Una volta che Gurdjieff stabilisce il Château du Prieuré in Francia, e dopo il suo incidente d’auto quasi fatale nel 1924, Ouspensky recide completamente i legami con lui.

[OUSPENSKY] Le ho chiesto di venire perché devo dirvi che ho deciso di interrompere tutte le relazioni con il signor Gurdjieff. Questo significa che devi scegliere. O puoi andare a lavorare con lui, o puoi lavorare con me: ma se rimani con me, devi dare un impegno [comprensione] che non comunicherai in alcun modo con il signor Gurdjieff.vii

[OUSPENSKY] Quando ho incontrato Gurdjieff ho iniziato a lavorare con lui sulla base di certi principi che potevo capire e accettare. Ha detto: ‘Prima di tutto non devi credere a nulla, e in secondo luogo non devi fare nulla che non capisci’. L’ho accettato per questo. Poi, dopo due o tre anni, l’ho visto andare contro questi principi. Ha chiesto alle persone di accettare ciò in cui non credevano e di fare ciò che non capivano. Perché è successo questo non pretendo di offrire alcuna teoria. v

[OUSPENSKY] Domanda: ti è mai passato per la mente di rimpiangere di aver mai incontrato Gurdjieff?

Ouspensky: Mai. Perché? Ho ricevuto molto da lui. Sono sempre molto grato a me stesso che dopo la prima sera gli ho chiesto quando avrei potuto vederlo la prossima volta. Se non l’avessi fatto, non saremmo seduti qui ora.

Domanda: Ma hai scritto due libri molto brillanti.

Ouspensky: Erano solo libri. Volevo di più. Volevo qualcosa per me. v

La Scuola di Ouspensky

Quando Ouspensky arriva a Londra nell’Agosto del 1921, viene accolto grazie alla popolarità della traduzione inglese di Tertium Organum, che, a lui sconosciuta, fu pubblicata un anno prima a New York e in Inghilterra. Alcuni membri chiave dei circoli intellettuali di Londra trovano il suo lavoro affascinante e attraverso la loro influenza e il loro sostegno finanziario ha una piattaforma per esporre l’insegnamento di Gurdjieff.

La rottura finale con Gurdjieff nel 1924 segna il punto in cui Ouspensky decide di stabilire la sua scuola indipendente. Ma nonostante il suo accesso a ampie risorse materiali e a un pubblico ricettivo, tiene intenzionalmente sotto controllo la crescita durante gli anni ’20, limitando il numero di studenti da ammettere e concentra gran parte del suo tempo sulle sue pubblicazioni, spesso includendo il gruppo di Londra nel processo di scrittura.

[OUSPENSKY] Il sistema è in attesa di lavoratori. Non c’è alcuna dichiarazione e nessun pensiero in esso che non richiederebbe e ammetterebbe ulteriori sviluppi ed elaborazioni. Ma ci sono grandi difficoltà nel modo di formare le persone per questo lavoro, poiché uno studio intellettuale ordinario del sistema è abbastanza insufficiente; e ci sono pochissime persone che accettano altri metodi di studio che sono allo stesso tempo in grado di lavorare con questi metodi.viii

 

Gli anni ’30 inaugurano un nuovo clima di espansione. Ouspensky pubblica Un Nuovo Modello dell’Universo nel 1931, vengono rimosse le restrizioni che consentono a più studenti di unirsi alla scuola e vengono assicurate proprietà più grandi dove possono vivere e lavorare insieme. La fattoria di Lyne Place viene acquistata nel 1935 e Colet Gardens a Londra nel 1938, il che ha spinto alla creazione della forma esterna della scuola, la ‘Società Storico-Psicologica’.

La costituzione della società delinea i principali obiettivi della scuola di Ouspensky:

Lo studio dei problemi dell’evoluzione dell’uomo e in particolare dell’idea di psico-trasformismo.
Lo studio delle scuole psicologiche in diversi periodi storici e in diversi paesi, e lo studio della loro influenza sullo sviluppo morale e intellettuale dell’umanità.
Indagine pratica dei metodi di auto-studio e auto-sviluppo secondo i principi e i metodi delle scuole psicologiche.
Lavoro di ricerca nella storia delle religioni, della filosofia, della scienza e dell’arte con l’obiettivo di stabilire la loro origine comune quando può essere trovata e diversi livelli psicologici in ciascuno di essi.
ix

Allo stesso tempo in cui si sta costruendo uno slancio nella scuola con più attività e piani più ambiziosi – i suoi studenti ora ne contano più di mille – c’è anche un’escalation della guerra in Europa, che nel 1939 costringe Ouspensky a fermare bruscamente tutto il lavoro della scuola e a prendere la decisione di trasferirsi negli Stati Uniti. Nel 1941, inizia a tenere riunioni a New York e alla Franklin Farm, una grande casa e tenuta nel New Jersey, viene acquistata l’anno successivo per fungere da sua nuova casa e centro di insegnamento per gli studenti che lo hanno seguito dall’Inghilterra e per gli studenti americani che attrarrà.

 

Abbandono del Sistema

Nella primavera del 1946, a 68 anni, la salute di Ouspensky si è rapidamente deteriorata a causa di una condizione renale cronica. In estate, tiene le sue lezioni finali a New York per trasmettere la notizia sgradita ai suoi studenti americani che partirà per l’Inghilterra e consegnerà il proseguimento della scuola nelle Franklyn Farms a Madame Ouspensky.

Il 23 gennaio 1947, Ouspensky torna in Inghilterra e procede a tenere sei conferenze a Colet Gardens da Febbraio a Giugno a un pubblico di oltre 300. La vista della sua salute notevolmente diminuita coglie alla sprovvista i suoi studenti inglesi, eclissati solo da un comportamento drammaticamente alterato che non si adatta all’insegnante che ricordano.

[DOMANDE] Vuoi che continuiamo con il programma che ci hai dato nel 1940?
[OUSPENSKY] Programma? Non conosco il programma. Quale programma?
[DOMANDE] Programma che hai dato nel 1940.
[OUSPENSKY] No, non ricordo.
[…]
[DOMANDE] Abbiamo cercato di seguire l’insegnamento che ci hai dato anni fa.
[OUSPENSKY] Non ho dato insegnamenti.
[DOMANDE] Ci hai detto certe cose per aiutarci.
[OUSPENSKY] Hai frainteso.
[DOMANDE] Dove possiamo iniziare a lavorare ora?
[OUSPENSKY] IVedrò cosa vuoi sapere e da dove vuoi iniziare, e poi vedremo il primo passo, e forse troveremo il secondo passo. Non sappiamo il primo passo, questa è la domanda. Che devi ricordare
.x

[DOMANDE] Intende dire, signor Ouspensky, che ha abbandonato il sistema?”
[OUSPENSKY] Non esiste un sistema.xi

Ouspensky produce una confusione straordinaria, spacciandosi per uno straniero che non offre alcun riconoscimento o connessione con l’insegnamento che è stato la base centrale della sua identità e professione per oltre due decenni. È concisissimo in ogni risposta, rifiutando di parlare nel gergo dell’insegnamento, e rifiuta qualsiasi nozione di un obiettivo comune, dirigendo invece gli interrogatori a se stessi, alla propria posizione personale, come punto di partenza.

Il pubblico è diviso da coloro che vedono lo spettacolo come prova della sua condizione deteriorata, mentre altri lo ricevono come una dimostrazione di una sincerità più profonda. Alcuni vanno oltre per riconoscere in esso un invito a liberarsi dalla forma dell’insegnamento noto come “sistema”, che dopo tanti anni si è reso un peso per la loro ulteriore comprensione.

[OUSPENSKY] Devi ricominciare. Devi fare un nuovo inizio. Devi ricostruire tutto per te stesso – fin dall’inizio. xii

[OUSPENSKY] Sì, ho detto abbandonare, non distruggere. xiii

Gli Ultimi Giorni di Ouspensky

Nell’estate del 1947, Ouspensky si ritira a Lyne Place con una piccola cerchia di seguaci, intraprendendo una serie di escursioni ai punti di riferimento significativi durante la sua vita in Inghilterra, con l’apparente scopo di ripercorrere e ricostruire la sua memoria di tutti gli episodi a cui erano collegati. Coloro che si uniscono a Ouspensky in questi viaggi lo vedono nell’aria di una spedizione che richiede che lavorino continuamente per mettere insieme il significato con i suoi enigmatici indizi e suggerimenti per navigare.

[OUSPENSKY] Cos’è questo posto​?

[MISS P] Lyne Place.

[OUSPENSKY] Con cosa è collegato?

[MISS P] È collegato a tutto.

[OUSPENSKY] Questo è tutto – esattamente. xiii

Dal 4 settembre 1947, molti preparativi sono in corso su entrambe le sponde dell’Atlantico per il ritorno di Ouspensky in America, con la sua gente a Lyne Place che organizza la sua partenza mentre quelli di Franklyn Farms si preparano per il suo arrivo. Eppure, proprio al momento di salire a bordo della nave, Ouspensky annulla l’intero viaggio e chiede di tornare a Lyne Place, una decisione che si rivela immediatamente essere stata il suo piano per tutto il tempo​​.

[OUSPENSKY] Sai che non ho mai avuto intenzione di andare in America – non per un minuto.xiii

Questa improvvisa inversione dei piani lascia spazio a una sequenza di eventi straordinari e strani in cui i compagni di Ouspensky si abituano a incontrare un’accettazione quasi incondizionata, non importa quanto sia insolita la richiesta o irragionevole la richiesta. Costringe la famiglia a rompere tutte le routine, confondendo il giorno con la notte, continuando la caccia al tesoro in tutta l’Inghilterra mentre dimostra un sorprendente comando di volontà sul suo stato fragile e gravemente indebolito​.

[OUSPENSKY] Capisci che tutto può essere fatto solo con lo sforzo, o pensi che le cose possano accadere giusto​? xiii

[STUDENT] Come faccio a trovare il vero “io”?
[OUSPENSKY] Facendo richieste a se stessi. Ti mostro la strada.
xiii

Quelli tra la sua cerchia ristretta, rendono conto di continui fenomeni soprannaturali che si svolgono in questi ultimi giorni. Attribuiscono a Ouspensky la facoltà di orchestrare persone ed eventi per mezzo della telepatia, come è in grado di indurre condizioni e scenari speciali come se dirigesse e producesse una performance teatrale con la propria morte cosciente come trama centrale, e con la quale ciascuno dei suoi coetanei, attraverso la parte che interpreta, viene istruito sul futuro del proprio lavoro personale​.

[OUSPENSKY] Questa non è una prova generale. Questo non è un miracolo. Questa è la preparazione per la preparazione di un miracolo.xiii

Ouspensky muore il 2 ottobre, 1947 a Lyne Place, in quelli con cui stava verso la fine ha lasciato la ferma convinzione che ha continuato ad andare avanti, nello spirito della sua adesione per tutta la vita alla Teoria della Ricorrenza, per ritrovarsi a tornare ancora una volta un neonato a Mosca il 5 marzo 1878. Il disegno cosciente di questo periodo finale serve come testimonianza della sua incarnazione dell’insegnamento a cui ha dedicato la sua vita​.

[OUSPENSKY] Pensa alla morte. Non sai quanto tempo ti rimane. E ricorda che se non diventi differente, tutto si ripeterà di nuovo, tutti gli errori sciocchi, tutti gli errori sciocchi, tutte le perdite di tempo e opportunità – tutto sarà ripetuto ad eccezione della possibilità che hai avuto questa volta, perché il caso non arriva mai nella stessa forma​.xiv

Fonti

  1. Commentari Psicologici di Maurice Nicoll
  2. Conversazione di Ouspensky con Gerard Palmer nel (1946)
  3. Nota autobiografica
  4. Frammenti di un Insegnamento Sconosciuto di P.D.Ouspensky
  5. Raccolta Memoriale P. D. Ouspensky, Biblioteca Memoriale della Sterling, Università di Yale
  6. Un Nuovo Documento, di Peter Ouspensky
  7. Witness, Storia di una Ricerca, di John Bennett
  8. Frammenti di un Insegnamento Sconosciuto (manoscritto del 1926) di P. D.Ouspensky
  9. La Costituzione, gli Oggetti e l’Organizzazione della Società Storico-Psicologica
  10. 24 febbraio 1947, Colet Gardens
  11. 21 maggio 1947, Colet Gardens
  12. La Teoria delle Influenze Celesti di Rodney Collin
  13. Ultimi Ricori di un Mago di Rodney Collin e Francis Roles
  14. Coscienza: la Ricerca della Verità di P.D.Ouspensky

NEL 2022/24, BEPERIOD REALIZZERÀ UN DOCUMENTARIO/LUNGOMETRAGGIO SU GEORGE GURDJIEFF”

George Gurdjieff

Parte I:
Gurdjieff

Gurdjieff on the Three Brains
Gurdjieff on the Three Brains

Parte III:
La Scuola

Gurdjieff on the Three Brains

Parte IV:
Iniziazione

Esotericism shown in a Tibetan Mandala

Parte V:
La Quarta Via